12-05-2019

L’abuso d’ufficio si configura quando il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto.

Argomenti: # # #

Studio Legale competente per il delitto di abuso di ufficio.

Se sei indagato o imputato per il reato di abuso di ufficio o, di contro, sei stato danneggiato, puoi richiedere assistenza o consulenza legale ad un esperto avvocato per abuso ufficio rivolgendoti ad Avvocato Penalista H24.

Scrivi a info@avvocatopenalistah24.it, che vanta nel suo team avvocati esperti nella difesa delle vittime e dei responsabili dei reati di abuso d’ufficio.

COME VIENE PUNITO L’ABUSO DI UFFICIO ?

L’art. 323 c.p. rubricato Abuso D’ufficio punisce con la reclusione da uno a quattro anni “ (…) il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio  che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale  ovvero arreca ad altri un danno ingiusto.

La pena è aumentata nei casi in cui il vantaggio o il danno hanno carattere di rilevante gravità”.

QUALE È LA CONDOTTA PENALMENTE SANZIONATA DALL’ABUSO D’UFFICIO?

La condotta punita dal reato di abuso d’ufficio si sostanzia nel:

  1. Violare norme di legge o di regolamento, ossia eseguire un’azione che pone in rapporto di contraddittorietà l’atto compiuto dall’agente pubblico e una norma di legge, il contrasto può configurarsi o come mancata applicazione del disposto normativo o come falsa applicazione dello stesso;
  2. Violare l’obbligo di astensione del pubblico ufficiale in presenza di un interesse proprio, di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti.

La configurabilità dell’abuso di ufficio si ha soltanto quando il comportamento illecito dell’agente pubblico viene posto in essere nell’esercizio del proprio ufficio e non anche quando il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio agisce come soggetto privato in relazione a negozi giuridici che vedono come parte la pubblica amministrazione.

Il secondo comma dell’art. 323 c.p. prevede una circostanza aggravante qualora la condotta incriminata produca un vantaggio o un danno di notevole gravità.

QUALI SONO I SOGGETTI ATTIVI  E PASSIVI ABUSO D’UFFICIO?

Soggetti attivi del reato sono il pubblico ufficiale e l’incaricato di pubblico servizio nella loro veste pubblica e “nello svolgimento delle funzioni di servizio ”.

Il dolo richiesto è generico ed è caratterizzato dal requisito dell’intenzionalità che esclude la rilevanza del dolo eventuale e va inteso come coscienza e volontà del fatto tipico previsto dalla norma incriminatrice.

L’interesse tutelato è sia l’imparzialità, il buon andamento e la trasparenza della pubblica amministrazione che il patrimonio del terzo danneggiato.

I soggetti passivi del reato di abuso d’ufficio sono, quindi, la Pubblica Amministrazione ed anche il terzo danneggiato dall’abuso del funzionario pubblico.

QUALE È LA FINALITÀ DELL’ABUSO D’UFFICIO?

L’abuso d’ufficio è un reato di evento che consiste nella effettiva produzione di un ingiusto vantaggio patrimoniale o di un danno ingiusto.

La condotta illecita deve essere eseguita al fine di:

  1. Procurare a sé o ad altri un vantaggio patrimoniale: rileva il solo vantaggio patrimoniale, ossia quello economicamente valutabile;
  2. Arrecare ad altri un danno: e non essendoci specificazione normativa, la lesione subita può essere sia patrimoniale che non patrimoniale.

È richiesta la c.d. doppia ingiustizia del danno, nel senso che ingiusta deve essere sia la condotta (in quanto connotata da violazione di legge), sia il vantaggio patrimoniale conseguito.

PERCHÉ RIVOLGERSI AD UN AVVOCATO PER ABUSO UFFICIO?

Tale figura di reato è particolarmente grave e, una volta condannati non risulta possibile beneficiare di misure alternative alla detenzione così come previsto dalla legge n. 3_2019 cd. ‘spazzacorrotti’.

Se sei indagato o imputato di abuso di ufficio o sei stato danneggiato da tale condotta illecita è opportuno ricevere adeguata tutela legale richiedendo l’intervento di un esperto avvocato per abuso di ufficio.Se vuoi ricevere assistenza o consulenza legale per il reato di abuso d’ufficio, puoi rivolgerti qui ad Avvocato Penalista H24, oppure scrivendo a info@avvocatopenalistah24.it, che vanta nel suo studio legale un esperto avvocato per abuso ufficio che saprà fornirti l’assistenza legale che fa al tuo caso.

Compila il form di contatto se vuoi ricevere assistenza legale.

Hai Domande? RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA