22-04-2019

Nel caso in cui si venga sorpresi all’atto di cessione a terzi di droga, l’arresto è obbligatorio (salvo alcune residuali ipotesi) e dunque si necessita di un avvocato competente per i casi di arresto per spaccio di droga. In questi casi, rivolgiti ad Avvocato Penalista H24.

Argomenti: # # # #

Avvocato disponibile H24 nei casi di arresto per spaccio droga

Se un tuo parente o una persona a te vicina è stata arrestata in flagranza di reato nel momento in cui cedeva droga ad altri, puoi rivolgerti al team Avvocato Penalista H24, scrivendo a info@avvocatopenalistah24.it, che vanta nel suo organico un esperto avvocato per arresto spaccio droga che saprà fornire l’assistenza legale  adeguata al caso specifico.

.

Hai Domande? RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

CHE COS’È L’ARRESTO?

La polizia giudiziaria ha il potere di disporre misure coercitive temporanee, denominate arresto e fermo, che limitano la libertà personale dell’indagato in situazioni di urgenza fino a quando non interviene la convalida del giudice.

L’arresto in flagranza è un provvedimento che può essere disposto dalla polizia giudiziaria ai sensi degli artt. 380 e ss. c.p.p.

L’arresto ha la funzione di assicurare alla giustizia gli autori del reato ed impedire che il reato venga portato a conseguenze ulteriori.

Spesso si assiste all’arresto da parte della polizia di soggetti sorpresi a spacciare droga. In questi casi necessita un avvocato per arresto cessione droga.

Di seguito si cerca di far chiarezza sulle ipotesi di arresto per la droga.

.

COSA SI INTENDE PER ARRESTO IN FLAGRANZA?

Lo stato di flagranza, necessario per poter disporre l’arresto, può essere definito “pieno” quando un soggetto viene colto nell’atto di commettere il reato; invece, si parla di “quasi flagranza” quando il soggetto, subito dopo il reato, è inseguito dalla polizia giudiziaria, dalla persona offesa o da altre persone, e viene sorpreso con cose o tracce dalle quali appaia che abbia commesso il reato immediatamente prima.

.

QUALI SONO I PRESUPPOSTI LEGITTIMANTI L’ARRESTO?

L’arresto è obbligatorio in presenza di un delitto non colposo, consumato o tentato, per il quale la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione non inferiore nel minimo a cinque anni e nel massimo a venti anni.

L’arresto è obbligatorio anche in presenza di taluni delitti che non rientrano nei limiti edittali anzidetti ma per i quali sono presenti esigenze di tutela della collettività (quali, associazione mafiosa, traffico di droga, furto aggravato, rapina, estorsione, pornografia minorile etc.).

L’arresto facoltativo si ha quando è rimesso alla discrezionalità della polizia valutare se la misura è giustificata dalla gravità del fatto o dalla pericolosità del soggetto desunta dalla sua personalità o dalle circostanze del fatto.

.

NEL CASO DI SPACCIO DI DROGA QUALE ARRESTO PUÒ ESSERE COMPIUTO?

Nel caso in cui un soggetto viene sorpreso dalla polizia giudiziaria nell’atto di cessione di droga si può procedere all’arresto obbligatorio o a quello facoltativo a seconda dei casi.

In caso di illecita cessione di droga,  l’arresto è obbligatorio in caso di flagranza, secondo quanto sancito dall’art. 380, comma II, lett. h) c.p.p., salvo che ricorra l’ipotesi autonoma della lieve entità prevista dall’art. 73, comma V, D.P.R. 309/90, nel qual caso l’arresto diviene meramente facoltativo.

Come sopra già evidenziato, in ipotesi di facoltatività dell’arresto, l’adozione di tale misura è subordinata alla ricorrenza, in via alternativa, dei presupposti indefettibili,  rappresentati dalla particolare gravità dei fatti o dalla pericolosità del soggetto.

Quindi, se si viene sorpresi nell’atto della cessione della droga e tale cessione per le modalità della condotta e  per la quantità della droga ( tenuto conto del dato ponderale dello droga posseduta e ceduta, dell’eventuale condizione di incensuratezza dell’agente) configura un caso di cessione di lieve entità di cui al comma V dell’art. 73 DPR 309/90, troverà spazio l’arresto facoltativo per la cui convalida  occorre valutare la pericolosità del soggetto e la gravità dei fatti.

.

COME SI SVOLGE LA CONVALIDA DELL’ARRESTO?

L’arresto, essendo una misura limitativa della libertà personale che deve essere applicata solo dal giudice, in quanto provvedimento provvisorio e temporaneo deve essere sottoposto alla convalida (ratifica) da parte del giudice.

Il procedimento di convalida dell’arresto si divide in tre fasi:

I

  • nella prima fase dell’arresto la polizia giudiziaria pone l’arrestato sorpreso a cedere la droga a disposizione del PM non oltre le 24 ore dall’arresto (termine che può essere prorogato dal PM ma che in ogni caso  non può superare le 48 ore dall’arresto);

II

  • nella seconda fase dell’arresto il PM chiede la convalida dell’arresto al giudice. Il più delle volte, quando si viene sorpresi nell’atto di cessione della droga il PM procede con il rito direttissimo chiedendo la convalida dell’arresto al giudice del dibattimento, davanti al quale l’arrestato in flagranza viene condotto; in tal caso la convalida è presupposto del rito, ovvero se l’arresto è convalidato si procede poi al giudizio direttissimo;

III

  • la terza fase dell’arresto consiste nell’udienza di convalida dinanzi al giudice. L’arresto cessa di avere efficacia se l’ordinanza di convalida non interviene entro le 48 ore successive la momento in cui il giudice ha ricevuto la richiesta di convalida.

.

QUALI DECISIONI POSSONO ESSERE ADOTTATE IN SEDE DI CONVALIDA DELL’ARRESTO?

In sede di convalida dell’arresto vengono prese due distinte decisioni, quella sulla convalida e quella sulla misura cautelare.

Innanzitutto, il giudice accerta che l’arresto sia stato legittimamente eseguito e che siano stati rispettati i termini  prescritti.

In secondo luogo, il giudice valuta la sussistenza dei presupposti per l’applicazione della misura cautelare.

Le due valutazioni sono indipendenti: il giudice può decidere di convalidare l’arresto e non applicare alcuna misura oppure può negare la convalida ma disporre comunque una misura cautelare.

.

PERCHÉ RIVOLGERSI AD UN ESPERTO AVVOCATO PER ARRESTO SPACCIO DROGA?

Nel caso in cui un tuo conoscente sia stato arrestato in flagranza perché sorpreso mentre cedeva droga, è opportuno rivolgersi tempestivamente ad un avvocato esperto nell’arresto per droga, stante la complessità della procedura e il necessario rispetto dei termini prescritti a pena di inefficacia dell’arresto.Se un tuo parente o una persona a te vicina è stata arrestata in flagranza per aver ceduto droga, puoi rivolgerti qui al team Avvocato Penalista H24, oppure scrivendo a info@avvocatopenalistah24.it, che vanta nel suo organico un esperto avvocato per arresto spaccio droga che saprà fornire l’assistenza che fa al caso specifico.

Hai Domande? RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA

Chatta subito con noi
WhatsApp Facebook Messenger
oppure compila il form qui di seguito:

RICHIEDI UNA CONSULENZA

Nome Completo*
Email*
Telefono
Messaggio