26-05-2019

La riabilitazione non è atto di clemenza ma di giustizia: il condannato che si trovi nelle condizioni previste dalla legge (artt. 178 e ss. cp.) ha un vero e proprio diritto alla riabilitazione.

Argomenti: # # #

Riabilitazione Penale: come e quando richiederla.

Se hai ricevuto una condanna penale e  vuoi ripulire il tuo casellario giudiziale, puoi rivolgerti ad Avvocato Penalista H24, scrivendo a info@avvocatopenalistah24.it, che  vanta nel suo studio legale un competente avvocato per la riabilitazione penale.

IN COSA CONSISTE LA RIABILITAZIONE PENALE?

La riabilitazione, disciplinata all’art. 178 c.p., è un istituto attraverso il quale il condannato riacquista la capacità di esercitare quei diritti e quei doveri ai quali aveva dovuto rinunciare a causa della sentenza di condanna.

La riabilitazione è un vero e proprio diritto del condannato che deve, quindi, essere riabilitato in presenza dei presupposti previsti dalla legge.

La funzione della riabilitazione è allo stesso tempo premiale e social-preventiva e può trovare applicazione con riguardo a tutte le condanne, comprese quelle a pena condizionalmente sospesa.

QUALI SONO LE CONDIZIONI PER LA RIABILITAZIONE?

L’art. 179 c.p. detta i presupposti di legge affinché un soggetto possa essere riabilitato.

Le condizioni della riabilitazione sono:

-) IL PASSAGGIO DEL TEMPO. Devono essere decorsi almeno tre anni dall’esecuzione o dall’estinzione della pena principale; tale termine è di almeno otto anni nel caso in cui il colpevole sia recidivo, dieci se delinquente abituale, professionale o per tendenza;

-) LA BUONA CONDOTTA. Il condannato deve aver tenuto una buona condotta per tutto il periodo indicato. L’esito di questo periodo legale di prova deve far emergere il ravvedimento del condannato, sia processualmente che storicamente, e si manifesta non soltanto tramite l’astensione da azioni criminose, ma anche attraverso il mancato compimento di condotte antisociali e sintomatiche di pericolosità;

-) LA NON SOTTOPOSIZIONE A MISURE DI SICUREZZA. Il condannato non deve essere stato sottoposto o devono essere state revocate le misure di sicurezza, ad eccezione della confisca e dell’espulsione dello straniero dallo Stato;

-) L’ADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI CIVILI. Il condannato deve aver eseguito le obbligazioni civili nascenti dal reato, a meno che dimostri di essersi trovato nell’impossibilità materiale di adempiere. La prova dell’incapacità di poter rispettare gli oneri impartiti è posta a carico dell’interessato e deve essere valutata discrezionalmente dall’autorità giudiziaria caso per caso.

Poiché ai fini della decorrenza del termine per ottenere la riabilitazione, si fa riferimento, oltre all’avvenuta esecuzione della pena, anche alla sua eventuale estinzione per altra causa, quale può essere quella prodotta dalla sospensione condizionale della pena, anche la condanna con pena sospesa consente di beneficiare della riabilitazione.

QUALI EFFETTI PRODUCE LA RIABILITAZIONE SUL CASELLARIO GIUDIZIALE?

Per quanto concerne il casellario giudiziale rilasciato all’interessato o richiesto da una pubblica amministrazione o da un gestore di pubblico servizio, la condanna a seguito della riabilitazione non sarà più iscritta ed il casellario risulterà NULLO.

Invece, nel certificato richiesto dagli uffici che esercitano la giurisdizione penale e dagli uffici del pubblico ministero, i provvedimenti giudiziali concernenti la riabilitazione (ossia i provvedimenti che la concedono e quelli che, eventualmente, la revochino) sono annotati nel certificato del casellario giudiziale, accanto alla sentenza di condanna cui si riferiscono.

Quindi, la riabilitazione non fa tornare del tutto nullo il casellario giudiziale penale, ma alla annotazione della condanna aggiunge la specificazione che è intervenuta riabilitazione.

COME SI ARTICOLA IL PROCEDIMENTO DI RIABILITAZIONE E A CHI VA PROPOSTA L’ISTANZA DI RIABILITAZIONE?

Il procedimento di riabilitazione assume i caratteri del procedimento di esecuzione e si conclude sempre con ordinanza, salvi i casi di inammissibilità pronunciata con decreto.

Per dare impulso alla riabilitazione occorre presentare un’istanza, nella quale sono indicati gli elementi dai quali può desumersi la sussistenza delle condizioni previste dall’art. 179 cod. pen.

All’istanza  per la riabilitazione occorre allegare tutta la documentazione dalla quale risulta la sussistenza delle condizioni richieste dalla legge (casellario penale o visura).

Pertanto, occorre dar prova di aver pagato le obbligazioni civili, intese sia le spese processuali (spese di giustizia) sia le spese dovute al risarcimento delle vittime e dei danneggiati.

L’istanza di riabilitazione va presentata dinanzi al Tribunale di Sorveglianza del luogo in cui l’interessato ha la residenza o il domicilio; se non trova applicazione tale criterio, sarà competente il Tribunale del luogo in cui fu pronunciata la sentenza di condanna (se più di una, quella diventata irrevocabile per ultima). Per la redazione dell’istanza è opportuno affidarsi ad un esperto avvocato per la riabilitazione penale.

LA RIABILITAZIONE PENALE PUÒ ESSERE REVOCATA?

Sì. La riabilitazione penale è revocata di diritto se il riabilitato commette entro cinque anni un delitto non colposo per il quale sia inflitta la pena della reclusione per un tempo non inferiore a tre anni o un’altra pena più grave.

PERCHÉ RIVOLGERSI AD UN ESPERTO AVVOCATO PER LA RIABILITAZIONE PENALE?

Poiché la redazione dell’istanza di riabilitazione è alquanto complessa, attesa anche la necessità di verificare la sussistenza di tutti i presupposti richiesti dalla legge e di allegare tutta la documentazione relativa, occorre farsi assistere da un esperto  avvocato per la riabilitazione, per la cui procedura è possibile anche chiedere l’ammissione al Patrocinio a spese dello Stato.

Se vuoi cancellare una condanna penale dal casellario giudiziale ed estinguere tutti i suoi effetti accessori puoi chiedere la riabilitazione penale rivolgendoti qui al team Avvocato Penalista H24 che vanta nel suo studio legale un esperto avvocato per la riabilitazione penale che saprà fornirti l’assistenza legale che fa al tuo caso.

Se vuoi ricevere assistenza legale per ottenere la riabilitazione penale, compila il form qui sotto.

Hai Domande? RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA