24-04-2021

Libertà Vigilata. Revoca Misura di Sicurezza per un nostro assistito

In questo articolo ti spiego come abbiamo ottenuto la revoca della misura di sicurezza della libertà vigilata per un nostro assistito, prosciolto per vizio totale di mente ma dichiarato socialmente pericoloso. Leggi l’articolo per conoscere le ragioni del provvedimento.

Argomenti: # # # # #

Libertà Vigilata. Revoca Misura di Sicurezza per un nostro assistito

Il questo articolo ti spiego come siamo riusciti ad ottenere un provvedimento di revoca della misura di sicurezza della libertà vigilata per un nostro assistito il quale, dopo essere stato prosciolto in un procedimento penale per i delitti di estorsione e maltrattamenti in famiglia, alla luce di un vizio totale di mente, si vedeva applicare la misura della libertà vigilata a causa della ritenuta pericolosità sociale manifestata nel corso del procedimento penale.

Le ragioni a sostegno dell’applicazione della libertà vigilata

Come ti ho anticipato, a sostegno dell’applicazione della misura di sicurezza della libertà vigilata nei confronti del nostro assistito, veniva prospettata dal Giudice che lo aveva prosciolto per vizio totale di mente una evidente pericolosità sociale dello stesso, essendosi macchiato di reati molto gravi nei confronti dei propri familiari.

La misura applicata, tuttavia, con il passare del tempo cominciava ad incidere sempre più nella vita del nostro assistito il quale, a causa delle pressanti prescrizioni imposte, non riusciva più ad avere una vita normale, decidendo pertanto di affidarsi ai professionisti dello studio legale Avvocato Penalista H24 per affidare il proprio caso ad un avvocato esperto in materia di libertà vigilata.

Se vuoi sapere quando può essere applicata la misura di sicurezza della libertà vigilata, ti invito a leggere questo articolo in cui ti spieghiamo nel dettaglio cosa sono le misure di sicurezza e quali sono i presupposti per l’applicazione della libertà vigilata.

La strategia difensiva

La libertà vigilata era stata applicata perché, a parere del Giudice, esisteva un pericolo evidente che il nostro assistito potesse commettere nuovi reati.

Il provvedimento è anche stato prorogato senza tenere considerazione il fatto che, con il passare del tempo, questa persona avesse radicalmente modificato le proprie abitudini di vita ed avesse seguito, inoltre, dei percorsi di recupero sociale grazie all’aiuto degli assistenti sociali, con relazioni comportamentali molto positive, che mostravano in concreto il corretto percorso di recupero intrapreso dallo stesso.

Alla luce di questi presupposti, quindi, abbiamo formulato una richiesta al Tribunale di Sorveglianza per richiedere la revoca della libertà vigilata, essendo cessata nel frattempo la pericolosità sociale di questa persona.

Ordinanza Libertà Vigilata

Veniva quindi censurato il provvedimento del Magistrato di Sorveglianza, ritenuto da Avvocato per libertà vigilata assolutamente ingiusto ed in alcun modo compatibile con il percorso di recupero intrapreso con profitto da questa persona, attraverso il quale veniva addirittura prorogata di ulteriori otto mesi la durata della libertà vigilata.

Ordinanza Libertà Vigilata,2

Come ti dicevo, a sostegno della richiesta, veniva messo in luce il fatto che l’accertamento sull’attualità della pericolosità sociale di questa persona, oltre alla valutazione circa la gravità del fatto/reato che gli veniva contestato, avrebbe dovuto prendere in considerazione anche  la specifica valutazione di fatti successivi alla commissione del reato. Bisognava per noi dare peso anche alla condotta di vita tenuta dal nostro assistito in seguito ai reati e al percorso di totale recupero sociale intrapreso con relazioni comportamentali molto positive.

Proprio sulla base di questi presupposti, quindi, trovava fondamento la richiesta difensiva dell’avvocato incaricato dal nostro team.

Richiesta difensiva Libertà Vigilata

Si evidenziava infatti, nell’istanza rivolta al Tribunale di Sorveglianza, come la stessa Corte di Cassazione, nella sentenza n. 21749/10, avesse precisato che “l’accertamento sull’attuale pericolosità sociale ai fini dell’applicazione di una misura di sicurezza implica la valutazione non solo della gravità del fatto reato ma anche dei fatti successivi, come il comportamento tenuto dal prevenuto quale risultante ad esempio dalle relazioni comportamentali”.

Nel caso di specie il Magistrato di Sorveglianza, nel prorogare ulteriormente la durata della misura della libertà vigilata, non aveva tenuto in alcuna considerazione il comportamento tenuto dal nostro assistito in seguito ai fatti che gli venivano contestati, fondando quindi la propria valutazione esclusivamente sulla gravità del fatto commesso ai danni dei propri familiari.

La decisione del Tribunale che accoglie le nostre richieste

Il Tribunale di Sorveglianza, alla luce delle argomentazioni rappresentate nell’istanza, decideva quindi di accogliere tutte le nostre richieste, precisando come fosse onere del Magistrato di Sorveglianza, nel valutare la persistenza della pericolosità sociale di una persona, quello di verificare non solo la gravità del reato commesso, ma anche la condotta di vita tenuta dalla persona in seguito alla commissione del reato.

Ti allego in seguito il contenuto del provvedimento con il quale il Tribunale di Sorveglianza ha ritenuto fondate tutte le nostre osservazioni.

fondatezza dell'appello 4

Nel caso di specie, il Tribunale di Sorveglianza, attribuendo finalmente valore al percorso di recupero concretamente intrapreso dal nostro assistito, dando quindi peso alle relazioni molto positive che lo stesso aveva ricevuto dagli assistenti sociali, dichiarava finalmente cessata la pericolosità sociale del nostro assistito, disponendo pertanto la revoca della libertà vigilata nei confronti dello stesso.

revoca 5

Si è trattato, in questo caso, di un provvedimento di fondamentale importanza per il nostro assistito il quale, percependo come una ingiustizia l’applicazione della libertà vigilata nei suoi confronti, grazie all’aiuto di un avvocato esperto in materia, è potuto tornare ad avere una vita normale, senza alcun tipo di limitazione.

Perché rivolgersi ad un avvocato preparato sul tema della libertà vigilata?

Come avrai potuto comprendere, le misure di sicurezza costituiscono una materia particolarmente complessa e delicata, che richiede particolari e specifiche competenze professionali che non tutti gli avvocati posseggono.

È sempre consigliabile, dunque, affidarsi ad un avvocato con competenza specifica, in caso di applicazione di una misura di sicurezza, esperto in materia, in modo che sin da subito, vi sia la massima garanzia del diritto di difesa, disponendo la strategia difensiva più opportuna al caso specifico.

Nel caso affrontato siamo stati in grado – attraverso la nostra preparazione ed esperienza – di risolvere una situazione particolarmente complessa, permettendo al nostro assistito di ritornare ad avere una vita normale, senza alcun tipo di costrizione o di vincolo derivante dalla applicazione della libertà vigilata.

Leggi altri nostri in tema di sorveglianza, misure di sicurezza e libertà vigilata:

  1. Misure di sicurezza: libertà vigilata;
  2. Avvocato per misure di prevenzione personali e reali: cosa sono?
  3. Misure alternative alla detenzione: quali sono e come richiederle

Abbiamo affrontato e risolto diversi casi inerenti l’applicazione delle misure di sicurezza e delle misure di prevenzione, nonché numerosi casi inerenti l’applicazione delle misure alternative alla detenzione innanzi il Tribunale di Sorveglianza.

Il metodo di Avvocato Penalista H24

La nostra priorità è porre l’assistito al centro del nostro operato, assumerci le sue preoccupazioni ed i suoi timori. Essere sottoposti ad un procedimento penale è una sciagura che coinvolge tutta la famiglia.

Nel corso degli anni abbiamo ben compreso questa circostanza ed è dunque fondamentale sin da subito instaurare un rapporto di fiducia con l’assistito che si sostanzia in:    

1. informazione costante sulla nostra attività professionale svolta nel Tuo esclusivo interesse. Sarai aggiornato passo passo di cosa stiamo facendo e di cosa accadrà. Ti spiegheremo le cose in modo che tu possa capire il difficile linguaggio della legge;

2. massima disponibilità e reperibilità: il nostro studio si chiama Avvocato Penalista H24 perché siamo sempre operativi 7 giorni su 7 24 ore al giorno. Siamo sempre al tuo fianco e potrai sempre contare su di noi. Tutti i giorni a qualsiasi ora del giorno e della notte.

3. formulazione di un preventivo immediato senza sorprese future. Ogni scelta difensiva sarà preventivamente concordata con Te, non avrai brutte sorprese e non dovrai sostenere costi imprevisti. Sin dal principio saprai quali sono i costi che dovrai sostenere.

Cosa dicono di noi i nostri assistiti?

Leggi le nostre recensioni su Google e scopri cosa dicono gli utenti del nostro studio legale e della nostra attività professionale.

Affidati ad un Avvocato esperto in libertà vigilata

Clicca qui per scoprire il Nostro Team di Avvocati Penalisti

Quali sono i casi trattati e risolti dal nostro studio legale?

Leggi qui i casi trattati e risolti dal Team dello Studio legale Avvocato Penalista H24.

Come potrai leggere la nostra massima dedizione, l’impegno professionale profuso porta, il più delle volte, a raggiungere il risultato sperato.

Dove ha luogo l’operato di Avvocato Penalista H24? 

Il nostro operato ha luogo nelle maggiori città Italiane ove vi sono le nostre sedi legali.

Garantiamo la Nostra Attività Legale in Europa ma anche nelle più grandi città del Mondo.

Abbiamo maturato contatti e sedi legali in tutto il mondo tramite il nostro team di avvocati ! 

Scrivici e facci sapere da dove ci contatti, concorderemo un appuntamento alla sede più vicina.

Chatta subito con noi
WhatsApp Facebook Messenger
oppure compila il form qui di seguito:

    RICHIEDI UNA CONSULENZA

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    0 0 votes
    Punteggio Articolo
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments