13-11-2021

Maltrattamenti in Famiglia: assistito scarcerato dopo il suo arresto

Il nostro assistito era stato arrestato e messo in carcere per l’accusa di maltrattamenti in famiglia. La sua ex compagna lo aveva denunciato sostenendo di aver subito diverse violenze e minacce.

Argomenti: # # #

Maltrattamenti in Famiglia: assistito scarcerato dopo il suo arresto

Quando si parla di reati come quello di maltrattamenti in famiglia previsto dall’art. 572 del codice penale, è sempre complicato affrontare la difesa per una serie di ragioni. Non è mai facile giudicare quello che succede tra le mura domestiche. 

La convivenza può giocare brutti scherzi: quando una donna denuncia, in quanto persona offesa, spesso la conseguenza è l’arresto del marito (o del compagno). Che cosa si può fare in questi casi?

In questo articolo voglio raccontarti di un caso che abbiamo recentemente affrontato, di quale strategia abbiamo adottato per ottenere da un lato la scarcerazione del nostro assistito e dall’altro la tutela della vittima. 

Un compromesso che ci ha permesso di accontentare il nostro assistito: lasciare il carcere in cui era recluso.

Linea h24 per le urgenze cell. +39 338 85 15 424.

Il caso del nostro assistito

Come ti ho anticipato, un nostro assistito veniva denunciato dalla convivente per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. 

Nel corpo della denuncia, in particolare, la compagna del nostro assistito lamentava diversi e reiterati episodi di violenza perpetrati anche alla presenza del figlio minorenne, sin dal 2015.

Stando alle dichiarazioni della persona offesa l’indagato sarebbe assiduo consumatore di sostanze alcoliche, vizio, questo, che si sarebbe acuito a seguito dell’aggravarsi delle proprie condizioni economiche.

Sostituzione misura con arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

La carcerazione

A seguito della denuncia e a seguito dell’assunzione di diverse fonti di prova testimoniali, il 5 agosto 2021 il nostro assistito veniva tratto in arresto, in forza dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice su richiesta della Procura della Repubblica, sulla base del pericolo che i fatti potessero aggravarsi. 

In particolare, il GIP (Giudice per le indagini preliminari) riteneva di dovere applicare la misura più afflittiva (ovvero il carcere) in quanto ravvisava la possibilità che l’indagato ponesse in essere altre condotte violente e vessatorie nei confronti della compagna, o potesse, comunque, condizionarla, avvicinandola e convincendola a ritrattare le dichiarazioni rese o a sminuire i fatti per come li aveva ricostruiti in sede di denuncia; per il GIP sussisteva, quindi, il pericolo di “inquinamento” del mezzo istruttorio consistente nelle parole della persona offesa.

Nel corso dell’interrogatorio di garanzia, l’indagato negava gli addebiti, professandosi innocente e veniva, dall’allora difensore, avanzata richiesta di sostituzione della misura cautelare con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari.

Il GIP, tuttavia, riteneva che per fondare un’ordinanza di sostituzione della misura cautelare occorresse un mutamento delle esigenze cautelari o degli indizi a carico dell’indagato, e siccome nessuna di queste due condizioni veniva soddisfatta, rigettava l’istanza e disponeva, pertanto, che l’indagato rimanesse all’interno del carcere.

L’istanza di scarcerazione

L’indagato si rivolgeva, dunque, al nostro Studio Legale Avvocato Penalista H24 per ottenere la scarcerazione e sostituire la misura della custodia cautelare in carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari.

Il nostro avvocato esperto in maltrattamenti, analizzata la vicenda e valutati gli elementi a carico proprio Assistito, vagliati attentamente quelli che erano le esigenze cautelari poste a fondamento dell’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere, si attivava immediatamente al fine di reperire un domicilio idoneo dove l’indagato potesse essere sottoposto agli arresti domiciliari, distante dal luogo in cui si assumevano commessi i fatti.

Ed infatti, considerato che il Giudice per le indagini preliminari riteneva sussistenti il pericolo di reiterazione del reato, che si configurava nei confronti della compagna nel territorio di Andria, e il pericolo di inquinamento probatorio determinato da un possibile contatto tra l’indagato e la persona offesa, residente ad Andria, l’Avvocato riteneva sostenibile una richiesta di sostituzione della misura della custodia cautelare solo “allontanando” l’indagato dai luoghi in cui avrebbe potuto commettere i reati allo stesso ascritti.

Veniva, pertanto, reperito un domicilio per l’indagato, presso la residenza di un familiare dello stesso, che si dichiarava disponibile ad accoglierlo e economicamente solido, così da poterlo mantenere.

L’abitazione in cui l’indagato sarebbe stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari si trovava in Emilia Romagna, regione diversa da quella dove venivano commessi i fatti.

I Professionisti del nostro Studio Legale redigevano, pertanto, istanza di scarcerazione e di sottoposizione alla misura degli arresti domiciliari in favore del proprio Assistito, allegando la dichiarazione di disponibilità del parente dell’indagato, rendendo noto il suo consenso all’applicazione della misura mediante il cd. ‘braccialetto elettronico’ e rilevando come il lungo tempo decorso dal momento di applicazione della misura aveva consentito all’indagato di rimeditare a ciò che aveva fatto, sicché il tempo trascorso ben avrebbe potuto affievolire le esigenze cautelari poste a fondamento del provvedimento di applicazione della misura custodiale.

Nel corpo dell’istanza si specificava anche che l’indagato, nel frattempo raggiunto da decreto di giudizio immediato, aveva formulato richiesta di definizione del procedimento mediante le forme del rito abbreviato, il che presuppone una decisione allo stato degli atti, che “blinda” l’accusa e non consente, quindi, alla persona offesa di modificare le dichiarazioni rese.

Anche tale elemento, pertanto, neutralizzava del tutto il pericolo di inquinamento probatorio, posto a fondamento dell’ordinanza custodiale che aveva raggiunto il nostro Assistito.

Gli elementi indicati (la dichiarazione di disponibilità all’accoglienza formulata dal familiare dell’indagato, in luogo distante da quello dei fatti denunciati, il lungo tempo decorso dal momento della carcerazione del nostro Assistito e la richiesta dello stesso di definizione del procedimento cui è sottoposto mediante le forme del rito abbreviato) rientrerebbero, secondo quella che è stata la linea difensiva assunta, nel concetto di “elementi nuovi”, richiamati dall’art. 299 c.p.p. idonei a modificare le esigenze cautelari poste a fondamento del provvedimento restrittivo e, pertanto, idonei a modificare la misura cautelare.

La decisione del Giudice

Inoltrata l’istanza, e notificata anche alla persona offesa, come prescritto dal Codice di rito a pena di inammissibilità, il Giudice per le indagini preliminari (che era lo stesso che aveva disposto la carcerazione del nostro Assistito) accoglieva la stessa, rilevando che gli elementi addotti dalla difesa fossero idonei a provare un affievolimento delle esigenze cautelari, le quali ben potevano essere assolte mediante l’applicazione di una misura cautelare meno gravosa, quale quella degli arresti domiciliari mediante l’utilizzo del cd. braccialetto elettronico, in luogo distante da quello di presunta consumazione dei reati ascritti.

Il Giudice, infatti, a fondamento della propria decisione rilevava, tra gli altri elementi, il fatto che 

le esigenze cautelari si sono attenuate e possono essere salvaguardate con la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari in ragione del tempo decorso dall’esecuzione della misura cautelare il quale si ritiene abbia costituito efficace remora alla commissione di delitti della stessa specie di quelli in relazione ai quali si procede”.

Per il nostro studio legale è stato davvero importante ottenere questa scarcerazione: il nostro assistito si è trovato in una non semplice situazione ed andava certamente aiutato ed il carcere non è la soluzione dei problemi.

La decisione del giudice.

Nel corso del processo sarà nostra intenzione dimostrare la insussistenza delle accuse per ottenere una piena e totale assoluzione a vantaggio del nostro assistito così come abbiamo fatto per un altro caso del genere.

Clicca qui per leggere quando si può essere assolti dal reato di maltrattamenti in famiglia.

Se un tuo familiare oppure un tuo amico si trova nella stesse condizioni di arresto oppure sotto processo per il reato di maltrattamenti in famiglia puoi richiedere una consulenza al nostro studio legale.

Cliccando qui saprai come funziona e quanto costa il nostro servizio di consulenza on line.

Perché rivolgersi ad un avvocato esperto in caso di maltrattamenti in famiglia?

Come avrai potuto comprendere, quella trattata, è una materia complessa, delicata che richiede particolari e specifiche competenze professionali che non tutti gli avvocati posseggono.

È sempre consigliabile, dunque, affidarsi ad un Avvocato competente in maltrattamenti in famiglia, che conosca bene la materia giuridica trattata di modo che, sin da subito, vi sia la massima garanzia del diritto di difesa, disponendo la strategia difensiva più opportuna al caso specifico.

Mettiti subito in contatto con uno dei nostri avvocati il quale ti spiegherà il nostro metodo che spesso ci porta ad avere grandi risultati con analogo grado di soddisfazione dei nostri assistiti.

Perché gli assistiti del nostro studio legale sono soddisfatti? Perché molti clienti hanno tanta riconoscenza nei nostri riguardi?

Il metodo di Avvocato Penalista H24. Perché scegliere il nostro studio legale?

La nostra priorità è porre l’assistito al centro del nostro operato, assumerci le sue preoccupazioni ed i suoi timori. Essere sottoposti ad un procedimento penale è una sciagura che coinvolge tutta la famiglia.

Nel corso degli anni abbiamo ben compreso questa circostanza ed è dunque fondamentale sin da subito instaurare un rapporto di fiducia con l’assistito che si sostanzia in:    

  • informazione costante sulla nostra attività professionale svolta nel Tuo esclusivo interesse. Sarai aggiornato passo passo di cosa stiamo facendo e di cosa accadrà. Ti spiegheremo le cose in modo che tu possa capire il difficile linguaggio della legge;
  • massima disponibilità e reperibilità: il nostro studio si chiama Avvocato Penalista H24 perché siamo sempre operativi 7 giorni su 7 24 ore al giorno. Siamo sempre al tuo fianco e potrai sempre contare su di noi. Tutti i giorni a qualsiasi ora del giorno e della notte.
  • formulazione di un preventivo immediato senza sorprese future. Ogni scelta difensiva sarà preventivamente concordata con Te, non avrai brutte sorprese e non dovrai sostenere costi imprevisti. Sin dal principio saprai quali sono i costi che dovrai sostenere.

Il rispetto di queste semplici regole e la nostra preparazione ci ha portati nel corso degli anni a regalare tante soddisfazioni ai nostri clienti. 

Vuoi sapere nello specifico cosa dicono?

Cosa dicono di noi i nostri assistiti?

Leggi le nostre recensioni su Google e scopri cosa dicono gli utenti del nostro studio legale e della nostra attività professionale.

Affidati ad un Avvocato esperto in casi di maltrattamenti in famiglia.

Abbiamo già affrontato e risolto diversi casi di maltrattamenti in famiglia. Guarda il video sotto e scopri come abbiamo ottenuto una grande assoluzione per un altro caso di maltrattamenti in famiglia.

Maltrattamenti in Famiglia – Assoluzione per un suo assistito. Come è stata ottenuta ?

Clicca qui per scoprire il Nostro Team di Avvocati Penalisti

Come svolgiamo il servizio di consulenza online?

Clicca qui per saperlo. Ti descrivo in maniera dettagliata come svolgiamo il servizio di consulenza online H24.

Quali sono i casi trattati e risolti dal nostro studio legale?

Leggi qui i casi trattati e risolti dal Team dello Studio legale Avvocato Penalista H24

Come potrai leggere la nostra massima dedizione, l’impegno professionale profuso porta, il più delle volte, a raggiungere il risultato sperato. 

Vuoi parlare di persona con un nostro avvocato?

Linea h24 per le urgenze cell. +39 338 85 15 424.

Dove ha luogo l’operato di Avvocato Penalista H24? 

Il nostro operato ha luogo nelle maggiori città Italiane ove vi sono le nostre sedi legali. Garantiamo la Nostra Attività Legale in Europa ma anche nelle più grandi città del Mondo. Clicca qui per verificare dove si trovano le nostre sedi.

Abbiamo maturato contatti e sedi legali in tutto il mondo tramite il nostro team di avvocati.

Scrivici e facci sapere da dove ci contatti, concorderemo un appuntamento on line o nella nostra sede più vicina.

Chatta subito con noi
WhatsApp Facebook Messenger
oppure compila il form qui di seguito:

    RICHIEDI UNA CONSULENZA

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy


    0 0 votes
    Punteggio Articolo
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments