14-04-2019

Avvocato per Mandato di Arresto Europeo (MAE)

Il Mandato d’Arresto Europeo (MAE) è una forma di estradizione semplificata affidata alle autorità giudiziarie dei Paesi membri dell’Unione Europea che si fonda sulla fiducia reciproca tra gli Stati dell’Unione.

Argomenti: # # #

Avvocato per Mandato di Arresto Europeo (MAE)

Se nei tuoi confronti è stato emesso un mandato di arresto europeo, puoi rivolgerti al team Avvocato Penalista H24, che vanta nel proprio organico competente avvocato in materia di mandato di arresto europeo (MAE) ed in generale nella cooperazione giudiziaria tra Stati.

Se vuoi degli approfondimento su tale argomento visita il nostro sito specializzato che trovi qui sotto

oppure 

se vuoi essere immediatamente contattato e vuoi avere degli approfondimenti, allora scrivici, rispondiamo H24 Sette giorni su Sette.

In questo articolo voglio spiegarti alcuni passaggi fondamentali sul mandato di arresto europeo (MAE) affinché tu possa comprendere meglio l’istituto.

IN COSA CONSISTE IL MANDATO DI ARRESTO EUROPEO?

Il Mandato di Arresto Europeo è stato introdotto dalla Decisione Quadro 2002/584/GAI che ha ricevuto attuazione in Italia con la legge n. 69 del 2005.

La suddetta legge definisce il Mandato di Arresto Europeo  come

una decisione giudiziaria emessa da uno Stato membro dell’Unione Europea in vista dell’arresto  e della consegna da parte di un altro Stato membro di una persona, al fine dell’esercizio di azioni giudiziarie in materia penale o dell’esecuzione di una pena o di una misura di sicurezza privative della libertà personale.

Decisione Quadro 2002/584/GAI

Alla base del mandato di arresto europeo vi è una decisione giudiziaria estera che consiste, alternativamente, in una sentenza irrevocabile di condanna o in un provvedimento cautelare, per l’esecuzione della quale il Paese emittente formula una richiesta che sarà valutata dalla Corte di Appello italiana.

Il Mandato di Arresto Europeo prevede due distinte procedure: una passiva ed una attiva. Vediamo in che cosa consistono.

QUALE È LA PROCEDURA ESECUTIVA PASSIVA DEL MANDATO DI ARRESTO EUROPEO?

La procedura di esecuzione passiva (quando il Mandato di Arresto Europeo è emesso da uno Stato membro e la richiesta è rivolta all’Italia) può aver luogo o con una richiesta ricevuta dal Presidente della Corte di Appello competente  oppure può essere attivato in seguito ad un arresto operato dalla polizia giudiziaria sulla base di una segnalazione inserita nel sistema informativo Schengen (SIS).

In tale ultima ipotesi sarà il presidente della Corte di Appello competente a convalidare l’arresto ed eventualmente applicare una misura cautelare.

Il giudice competente a dare esecuzione al mandato di arresto europeo è di regola la Corte di Appello nel cui distretto l’imputato o il condannato ha la residenza, la dimora o il domicilio eletto nel momento in cui il provvedimento giunge all’autorità giudiziaria. Se la competenza non può essere determinata nei modi anzidetti, la competenza spetterà alla Corte di Appello di Roma.

Il presidente della Corte di Appello procede all’audizione della persona ricercata: tale audizione ha un carattere meramente informativo e serve per avvisare del contenuto del Mandato di Arresto Europeo, della procedura di esecuzione e della possibilità di acconsentire alla consegna. Durante l’audizione è necessaria la presenza di un avvocato che va avvisato almeno 24 ore prima della data fissata per lo svolgimento dell’audizione.

È opportuno, già in tale fase, farsi assistere da un avvocato nel mandato di arresto europeo.

Se il ricercato presta il consenso, il presidente della Corte di Appello emetterà l’ordinanza che contiene l’ordine di esecuzione del mandato di arresto europeo.

COSA SUCCEDE SE NON VIENE PRESTATO IL CONSENSO?

Nel caso in cui non venga prestato il consenso, il presidente fisserà un’udienza all’esito della quale la Corte di Appello pronuncerà una sentenza che deciderà sull’esecuzione del mandato di arresto europeo.

Vi sono diverse ragioni per le quali l’Italia può rifiutare di dare esecuzione al mandato, tra le quali si ricorda il pericolo che la persona ricercata possa essere sottoposta a trattamenti inumani o degradanti o alla pena di morte.

Contro i provvedimenti che decidono sull’esecuzione del mandato di arresto europeo è possibile proporre ricorso in cassazione, con effetto sospensivo della sentenza di consegna ma non della misura cautelare che resta in atto. Il ricorso può essere fondato anche su motivi di merito, in tal caso la Corte di Cassazione potrà anche verificare l’esistenza dei presupposti che legittimano la decisione favorevole all’esecuzione. Per l’impugnazione è consigliabile l’assistenza di un avvocato competente per il mandato di arresto europeo.

Se vi è una decisione favorevole all’esecuzione del mandato di arresto europeo, la persona ricercata deve essere trasferita nello Stato di emissione entro dieci giorni da quando la decisione è divenuta irrevocabile.

IN COSA CONSISTE LA PROCEDURA ATTIVA

La procedura di esecuzione attiva viene utilizzata quando l’autorità giudiziaria italiana chiede ad uno Stato membro dell’Unione Europea la consegna di una persona ricercata.

In Italia il mandato di arresto europeo può essere emesso:

  1. dal giudice che procede se si tratta di esecuzione di una  misura cautelare custodiale;
  2. dal pubblico ministero presso il giudice dell’esecuzione che ha emesso l’ordine di esecuzione della pena detentiva o della misura di sicurezza.

Il Ministro della Giustizia italiano, in tale fase, svolge compiti amministrativi quale quello di tradurre il mandato di arresto europeo nella lingua dello Stato membro di esecuzione e di provvedere al relativo invio.

Poiché il mandato di arresto europeo non è autonomo ma dipende dal provvedimento nazionale,  esso perde efficacia allorché la misura limitativa della libertà personale viene revocata o diventa inefficace, in base alle regole processuali italiane.

PERCHÉ RIVOLGERSI AD UN COMPETENTE AVVOCATO PER MANDATO DI ARRESTO EUROPEO?

E’ necessario rivolgersi ad un esperto avvocato per mandato di arresto europeo per avere un’assistenza legale adeguata in una legislazione particolarmente specifica.

Se è stato emesso un mandato di arresto europeo nei tuoi confronti, puoi rivolgerti al team Avvocato Penalista H24, scrivendo qui, che vanta nel proprio organico esperto avvocato per mandato di arresto europeo e, in generale, di strumenti di cooperazione giudiziaria internazionale.

COSA DICONO DI NOI I NOSTRI ASSISTITI?

Leggi le nostre recensioni su Google e scopri cosa dicono gli utenti del nostro studio legale e della nostra attività professionale.

Affidati ai nostri Avvocati.

Il Mandato di Arresto Europeo

QUALI SONO I CASI TRATTATI E RISOLTI DA AVVOCATO PENALISTA H24?

Leggi qui i casi trattati e risolti dal Team dello Studio legale Avvocato Penalista H24. 

Leggi altri articoli in tema di Mandato di Arresto Europeo:

DOVE HA LUOGO L’OPERATO DI AVVOCATO PENALISTA H24 ?

Il nostro operato ha luogo nelle maggiori città Italiane ove vi sono le nostre sedi legali. Il team di Avvocato Penalista H24 è internazionale ed opera nelle principali città Europee.  I nostri avvocati sono plurilingue e garantisco il loro servizio legale in Inglese, Francese, Spagnolo ed Italiano.  Garantiamo la Nostra Attività Legale anche al di fuori dell’Europa. Abbiamo contatti e sedi legali in tutto il mondo tramite il nostro team di avvocati !