06-07-2021

Espulsione in Italia: cosa fare e come comportarsi?

L’espulsione è un provvedimento amministrativo applicato nei confronti dei cittadini stranieri non in regola con il permesso di soggiorno. In questo articolo ti spiego cosa fare in caso di applicazione di un provvedimento di espulsione in Italia.

Argomenti: # # # # #

Espulsione in Italia: cosa fare e come comportarsi?

Sei un cittadino straniero irregolare in Italia e ti è stato applicato un provvedimento di espulsione? Ha ricevuto la notifica di un decreto di espulsione e non sai cosa fare? Vuoi ricevere assistenza o consulenza legale in relazione ad un provvedimento di espulsione? Un avvocato esperto in casi di espulsione, dello studio legale internazionale Avvocato Penalista H24, in questo articolo ti spiega cosa fare in caso di applicazione di un provvedimento di espulsione e quando il provvedimento di espulsione non può essere applicato.

Linea h24 per le urgenze cell. +39 338 85 15 424.

Quanti tipi di espulsione esistono?

Innanzitutto devi sapere che la Legge Italiana prevede tre diversi tipi di espulsione del cittadino straniero, in relazione ai quali, chiaramente, potranno essere formulati diversi tipo di ricorso.

Esiste infatti:

  1. l’espulsione amministrativa disposta dal Ministero dell’Interno (Art. 13 Dlgs 286/98);
  2. l’espulsione amministrativa disposta dal Prefetto (Art. 13 comma 2 Dlgs 286/98);
  3. l’espulsione a titolo di misura di sicurezza (Art. 15 Dlgs 286/98).

Come ti dicevo, a seconda del tipo di provvedimento applicato nei confronti del cittadino straniero, potranno essere formulati diversi tipi di ricorso.

L’espulsione amministrativa disposta dal Ministero dell’Interno (Art. 13 comma 1 Testo Unico Immigrazione)

Questo tipo di provvedimento di espulsione viene applicato dal Ministero dell’Interno allorquando il cittadino straniero, anche non residente in Italia, costituisce un pericolo per l’ordine Pubblico o la sicurezza dello Stato.

Si tratta, quindi, di un provvedimento che può essere applicato indipendentemente dalla esistenza di un titolo di soggiorno in Italia (e quindi anche nel caso in cui il cittadino straniero sia titolare di un permesso di soggiorno in Italia), dovendosi valutare esclusivamente la pericolosità del soggetto per l’ordine e la sicurezza dello Stato.

In caso di applicazione dell’espulsione amministrativa disposta dal Ministero dell’Interno il cittadino straniero verrà immediatamente accompagnato alla frontiera attraverso le forze dell’ordine, facendogli lasciare immediatamente lo Stato Italiano.

Si tratta di un provvedimento amministrativo che, chiaramente, per avere validità deve essere motivato, potendo essere formulato contro questo provvedimento ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (T.A.R.) del Lazio.

È molto importante sapere che i termini per la proposizione del ricorso sono di 30 giorni dal momento della notifica del provvedimento di espulsione, non potendo, tuttavia, la proposizione del ricorso sospendere l’efficacia del provvedimento di espulsione applicato.

Per la proposizione del ricorso, vista la complessità della materia, è sempre opportuno rivolgersi ad un avvocato per espulsione con specifica competenza nella materia.

Espulsione amministrativa applicata dal Prefetto (Art. 13 comma 2 Testo Unico Immigrazione)

Si tratta di un provvedimento amministrativo di espulsione del cittadino straniero che può essere applicato nelle seguenti circostanze:

  1. Qualora il cittadino straniero entri in Italia in maniera irregolare;
  2. Qualora il cittadino straniero entri in Italia regolarmente, ma non richieda un permesso di soggiorno nel termine di 8 giorni dal suo ingresso in Italia;
  3. Qualora il cittadino straniero non abbia richiesto il rinnovo del permesso di soggiorno nel termine di 60 giorni dalla scadenza dello stesso;
  4. Qualora il permesso di soggiorno concesso al cittadino straniero sia stato annullato o revocato;
  5. Qualora il cittadino straniero, anche titolare di permesso di soggiorno valido, non sia in grado di dimostrare che i propri redditi in Italia derivano da fonti di reddito lecite ed è sospettato di vivere con soldi derivanti dalla commissione di crimini di tipo associativo (Articolo 13 Legge 646/1982);
  6. Qualora il cittadino straniero, anche titolare di permesso di soggiorno, sia sospettato di appartenere ad associazioni di tipo mafioso;
  7. Qualora nei confronti del cittadino straniero sia stata già applicata l’espulsione e non abbia lasciato l’Italia entro il termine di 15 giorni dalla notifica del foglio di via;
  8. Qualora il cittadino straniero espulso abbia fatto ritorno in Italia prima del termine previsto nel provvedimento di espulsione, senza tuttavia ottenere la “speciale autorizzazione” del Ministero dell’Interno.

Nel caso di applicazione del provvedimento di espulsione da parte del Prefetto, qualora si tratti del primo provvedimento di espulsione applicato nei confronti del cittadino straniero ed abbia un documento di identità valido, sarà notificato nei confronti dello stesso il cd. foglio di via, ovvero un provvedimento amministrativo attraverso il quale il Prefetto ordina al cittadino straniero di lasciare l’Italia entro il termine di 15 giorni dalla notifica.

Nel caso in cui, quindi, il cittadino straniero non lasci il territorio dello Stato entro il termine di 15 giorni, ovvero non abbia un documento di identità valido, potrà essere disposto l’accompagnamento immediato alla frontiera attraverso le Forze dell’ordine.

È importante sapere che, sia contro il foglio di via, che contro il provvedimento di espulsione applicato dal Prefetto, è sempre possibile formulare ricorso.

Nel caso del foglio di via può essere proposto ricorso al Giudice Unico del Tribunale in cui la Polizia ha applicato l’espulsione entro il termine di 5 giorni dalla notifica.

In questo caso il ricorso dovrà essere deciso dal Tribunale entro il termine di 10 giorni, non potendo il cittadino straniero essere espulso prima della decisione del Giudice.

In caso di provvedimento negativo da parte del Tribunale potrà essere formulato ricorso per Cassazione, anche se, in questo caso, la proposizione del ricorso non sospende gli effetti dell’espulsione del cittadino straniero, potendo quindi essere espulso prima della decisione della Corte di Cassazione sul suo ricorso.

Per quanto riguarda il provvedimento di espulsione applicato dal Prefetto, invece, potrà essere formulato ricorso entro il termine di 60 giorni dalla notifica del provvedimento direttamente al Giudice di Pace del luogo in cui è stato applicato il provvedimento di espulsione.

Anche in questo caso, nell’ipotesi in cui la decisione del Giudice di Pace dovesse essere negativa, è prevista la possibilità per il cittadino straniero di formulare ricorso per Cassazione.

L’estrema difficoltà di questi tipi di ricorso, nonché l’importanza degli interessi in gioco, essendo messa a repentaglio la possibilità del cittadino straniero di soggiornare liberamente e regolarmente in Italia, rendono assolutamente opportuna l’assistenza di un avvocato per espulsione, con specifica competenza materia di immigrazione.

Espulsione a titolo di misura di sicurezza (Articolo 15 Testo Unico immigrazione)

Si tratta di un provvedimento di espulsione applicato dall’Autorità Giudiziaria in seguito ad una condanna penale, se il cittadino straniero è considerato dal Giudice socialmente pericoloso.

L’applicazione del provvedimento di espulsione a titolo di misura di sicurezza, chiaramente, deve essere riportata nel contenuto della sentenza di condanna, potendo essere infatti oggetto di appello o di ricorso per Cassazione il capo della sentenza penale con la quale il Giudice ha disposto il provvedimento di espulsione in seguito alla sentenza di condanna.

In questo caso l’espulsione sarà eseguita direttamente dalle Forze dell’ordine dopo che il cittadino straniero ha espiato completamente la pena in Italia.

È molto importante sapere che, in caso di applicazione del provvedimento di espulsione a titolo di misura di sicurezza, durante il corso dell’espiazione della pena in Italia, potrà essere formulata istanza al Magistrato di Sorveglianza al fine di dimostrare l’attenuazione della pericolosità sociale del cittadino straniero.

La proposizione dell’istanza al Magistrato di Sorveglianza, tuttavia, non ha effetti sospensivi sul provvedimento di espulsione, pertanto, qualora il Magistrato di Sorveglianza non dovesse decidere prima della fine pena, il cittadino straniero sarà comunque espulso.

Per questa ragione, chiaramente, è sempre molto importante muoversi in tempo con la proposizione dell’istanza al Magistrato di Sorveglianza, al fine di evitare che il cittadino straniero sia espulso immediatamente dopo aver eseguito la sentenza di condanna in Italia.

Per la proposizione della richiesta al Magistrato di Sorveglianza è sempre opportuna l’assistenza di un avvocato per espulsione che abbia competenza sia nel settore dell’immigrazione, sia in materia di diritto e procedura penale.

Cosa succede in caso di applicazione di un provvedimento di espulsione?

Come ti dicevo prima, in caso di applicazione di un provvedimento di espulsione può essere applicato nei confronti del cittadino straniero un foglio di via, ovvero può essere disposto l’accompagnamento immediato alla frontiera, o anche può essere disposto l’accompagnamento del cittadino straniero in un centro di permanenza temporanea (Art. 14 Testo Unico Immigrazione).

L’accompagnamento del cittadino straniero nei centri di permanenza temporanea, nello specifico, viene disposto nei confronti del cittadino straniero che:

  1. Non ha alcun documento di riconoscimento;
  2. Non può essere accompagnato immediatamente alla frontiera a causa di problemi di salute;
  3. Non può essere accompagnato immediatamente alla frontiera a causa di ragioni organizzative della Polizia Giudiziaria.

È molto importante sapere che, in caso di detenzione del cittadino straniero nei centri di permanenza temporanea lo stesso potrà telefonare liberamente, potendo contattare quindi un avvocato per espulsione.

L’importanza della possibilità di contattare immediatamente un avvocato per espulsione deriva dal fatto che, una volta disposto l’accompagnamento del cittadino straniero nei centri di permanenza temporanea, entro le successive 48 ore dall’arresto la Polizia dovrà trasmettere tutta la documentazione al Giudice Unico presso il Tribunale in cui si trova il centro di detenzione.

Il Giudice, quindi, nelle successive 48 ore dalla ricezione della documentazione, dovrà sentire il cittadino straniero e decidere sulla convalida dell’arresto disposto dalla Polizia Giudiziaria.

Contro il provvedimento del Giudice con il quale viene convalidato l’arresto del cittadino straniero è sempre possibile formulare ricorso per Cassazione.

Devi inoltre sapere che la permanenza presso i centri di permanenza temporanea ha una durata limitata, pertanto, nel caso in cui la Polizia non riesca ad eseguire il provvedimento di espulsione nel termine di 30 giorni, il cittadino straniero dovrà essere rimesso in libertà.

Quanto dura il provvedimento di espulsione?

La principale conseguenza dell’applicazione di un provvedimento di espulsione consiste nel divieto, applicato al cittadino straniero, di fare reingresso nello Stato Italiano per un periodo di tempo che, a seguito dell’entrata in vigore del D.L. 89/2011, va dai tre ai cinque anni.

Per la durata del provvedimento, in questo caso, non dovrà essere preso in considerazione il momento dell’applicazione del provvedimento di espulsione, bensì il momento di effettivo allontanamento del cittadino straniero dal territorio Italiano.

Ci sono delle ipotesi in cui è permesso al cittadino straniero espulso di fare rientro in Italia?

Su questa domanda è importante che tu sappia che, anche nell’ipotesi in cui sia stato applicato un provvedimento di espulsione, il divieto di reingresso potrà essere superato a seguito di una richiesta di ricongiungimento familiare, sulla base della procedura prevista dall’art. 29 del Testo Unico Immigrazione.

Allo stesso tempo il divieto di reingresso in Italia può essere superato anche sulla base dell’instaurazione di un procedimento ai sensi dell’articolo 13 comma 13 del Testo Unico Immigrazione, attraverso il quale è prevista la possibilità, per il cittadino straniero espulso, di richiedere una “speciale autorizzazione” al Ministro dell’Interno per rientrare in Italia, indicando specificamente i motivi sui quali troverebbe fondamento la richiesta.

Per la proposizione della richiesta, vista la particolare complessità della materia, è sempre opportuno essere affiancati da un competente avvocato per espulsione.

Quali sono i casi in cui non può essere disposta l’espulsione?

Sulla base di quanto previsto dall’articolo 19 del Testo Unico Immigrazione, il provvedimento di espulsione non potrà mai essere disposto nei confronti del cittadino straniero che:

1) Può essere perseguitato nel proprio paese per motivi di sesso, razza, lingua, religione, cittadinanza, opinioni politiche, condizioni personali e sociali;

2) Può essere mandato in altro paese nel quale può subire lo stesso tipo di persecuzioni.

Allo stesso tempo potrà essere disposta l’espulsione, soltanto attraverso provvedimento diretto del Ministero dell’Interno, nei confronti:

3) dei minori di 18 anni, salvo il diritto a seguire il genitore o l’affidatario espulsi dal territorio Nazionale;

4) nei confronti di chi sia titolare della carta di soggiorno;

5) nei confronti di chi convive stabilmente con parenti entro il quarto grado, ovvero il coniuge di nazionalità Italiana;

6) nel caso di donne in stato di gravidanza ovvero nei sei mesi successivi alla nascita del figlio.

Perché rivolgersi ad un avvocato esperto in casi espulsione?

Come avrai potuto comprendere, la materia dell’espulsione in Italia, al pari della disciplina dell’immigrazione, è particolarmente complessa e delicata, nonché soggetta a continui cambiamenti, ragione questa per la quale, in caso di applicazione di un provvedimento di espulsione, è sempre opportuno rivolgersi sin dal primo momento ad un avvocato con specifica competenza.

Devi capire, infatti, che i tempi molto ristretti che caratterizzano la materia dell’immigrazione, nonché la particolare complessità della materia, rendono assolutamente necessario procedere con un avvocato che abbia già una competenza sul tema dell’immigrazione.

Lo studio legale Avvocato Penalista H24 si occupa da anni della materia dell’immigrazione, aiutando i cittadini stranieri che hanno difficoltà in Italia.

In caso di applicazione di un provvedimento di espulsione in Italia, infatti, è molto importante che l’avvocato possa comunicare immediatamente con il cittadino straniero in una lingua allo stesso conosciuta, ed è proprio per questa ragione che tutti i professionisti dello studio legale internazionale Avvocato Penalista H24 parlano perfettamente la lingua Italiana, Francese, Inglese e Spagnola, così da poter comunicare liberamente con i propri assistiti e consigliare agli stessi la strategia maggiormente opportuna per poter ottenere quanto richiesto ed evitare l’applicazione di un provvedimento di espulsione.

Il metodo di Avvocato Penalista H24

La nostra priorità è porre l’assistito al centro del nostro operato, assumerci le sue preoccupazioni ed i suoi timori. 

Avere dei problemi in materia di espulsione e non riuscire a comprendere come risolverli è sicuramente frustrante e pertanto va affrontato con l’aiuto di un professionista che possa indirizzarti al meglio sin dal primo momento.

Nel corso degli anni abbiamo ben compreso questa circostanza ed è dunque fondamentale sin da subito instaurare un rapporto di fiducia con l’assistito che si sostanzia in:    

1. informazione costante sulla nostra attività professionale svolta nel Tuo esclusivo interesse. Sarai aggiornato passo passo di cosa stiamo facendo e di cosa accadrà. Ti spiegheremo le cose in modo che tu possa capire il difficile linguaggio della legge;

2. massima disponibilità e reperibilità: il nostro studio si chiama Avvocato Penalista H24 perché siamo sempre operativi 7 giorni su 7 24 ore al giorno. Siamo sempre al tuo fianco e potrai sempre contare su di noi. Tutti i giorni a qualsiasi ora del giorno e della notte.

3. formulazione di un preventivo immediato senza sorprese future. Ogni scelta difensiva sarà preventivamente concordata con Te, non avrai brutte sorprese e non dovrai sostenere costi imprevisti. Sin dal principio saprai quali sono i costi che dovrai sostenere.

Il rispetto di queste semplici regole e la nostra preparazione ci ha portati nel corso degli anni a regalare tante soddisfazioni ai nostri clienti.

Cosa dicono di noi i nostri assistiti?

Leggi le nostre recensioni su Google e scopri cosa dicono gli utenti del nostro studio legale e della nostra attività professionale.

Affidati ad Esperto Avvocato per espulsione

Clicca qui per scoprire il Nostro Team di Avvocati Penalisti

Quali sono i casi trattati e risolti dal nostro studio legale?

Leggi qui i casi trattati e risolti dal Team dello Studio legale Avvocato Penalista H24.

In materia di immigrazione possono interessarti anche questi ulteriori argomenti:

Immigrazione in Italia – come entrare e restarci legalmente

Come potrai comprendere abbiamo maturato una grande esperienza nel settore dell’immigrazione e la nostra massima dedizione, l’impegno professionale profuso, il più delle volte, ci porta a raggiungere il risultato sperato.

Dove ha luogo l’operato di Avvocato Penalista H24? 

Il nostro operato ha luogo nelle maggiori città Italiane ove vi sono le nostre sedi legali.

Garantiamo la Nostra Attività Legale in Europa ma anche nelle più grandi città del Mondo.

Abbiamo maturato contatti e sedi legali in tutto il mondo tramite il nostro team di avvocati! 

Scrivici e facci sapere da dove ci contatti, concorderemo un appuntamento presso la sede più vicina.

Chatta subito con noi
WhatsApp Facebook Messenger
oppure compila il form qui di seguito:

    RICHIEDI UNA CONSULENZA

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy


    0 0 votes
    Punteggio Articolo
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments