04-10-2021

Mancata convalida del provvedimento di trattenimento. Accolta la tesi della difesa sulla nullità del provvedimento emesso dal Questore

Nei confronti del nostro assistito, cittadino Senegalese, era stato emesso un provvedimento di espulsione dall’Italia ed applicata la misura della detenzione presso un centro di permanenza per i rimpatri. Grazie alla difesa di Avvocato immigrazione H24 l’uomo è stato immediatamente liberato. Per quale ragione? Leggilo nell’articolo.

Argomenti: # # # #

Mancata convalida del provvedimento di trattenimento. Accolta la tesi della difesa sulla nullità del provvedimento emesso dal Questore

Nei confronti di un nostro assistito, cittadino Senegalese presente sul territorio Italiano in maniera irregolare, era stato emesso da parte del Prefetto un provvedimento di espulsione dall’Italia e allo stesso tempo, ritenendo che il medesimo non volesse allontanarsi spontaneamente dal territorio Italiano, era stato applicato dal Questore un provvedimento di trattenimento presso il centro di permanenza per i rimpatri di Milano. 

L’uomo si è rivolto al nostro studio legale Avvocato Penalista H24 per ricevere assistenza legale nel procedimento di convalida del decreto di espulsione che si è tenuto di fronte al Giudice di Pace di Milano ed ottenere finalmente la liberazione dal centro di permanenza per i rimpatri.

Qual è stata la strategia difensiva che ci ha permesso di ottenere l’immediata liberazione del cittadino straniero? Te lo spiego in questo articolo, ma prima procediamo con ordine e capiamo quali sono state le ragioni che hanno portato il Giudice di Pace di Milano a non convalidare il provvedimento di trattenimento presso il centro di permanenza nei confronti del cittadino straniero da noi assistito.

Linea h24 per le urgenze cell. +39 338 85 15 424.

Il provvedimento applicato nei confronti del nostro assistito

Come ti dicevo, nei confronti del nostro assistito veniva applicato un provvedimento di espulsione dall’Italia, in quanto era stato riscontrato che lo stesso soggiornava da diversi anni irregolarmente nel territorio Italiano, essendo sprovvisto di un regolare permesso di soggiorno.

Se vuoi sapere cosa fare e come comportarti in caso di applicazione di un provvedimento di espulsione ti invito a leggere questo articolo, nel quale ti spiego nel dettaglio quali sono i diritti che puoi fare valere e cosa è consigliabile fare nel momento in cui ti viene notificato il provvedimento di espulsione.

In ogni caso, come ti dicevo, nei confronti del nostro assistito, oltre al provvedimento di espulsione, veniva anche applicato dal Questore di Milano, ai sensi dell’articolo 14 del Testo Unico Immigrazione, il provvedimento di trattenimento presso il Centro di permanenza per i rimpatri di Milano, ritenendo infatti il Questore verosimile il fatto che il medesimo non volesse allontanarsi spontaneamente dal territorio Italiano.

Nell’arco di 48 ore dal momento dell’applicazione del provvedimento, quindi, il Questore di Milano inviava tutta la documentazione al Giudice di Pace di Milano per richiedere la convalida del decreto espulsione.

Questa è la richiesta di convalida del trattenimento presso il Centro di permanenza per i rimpatri emessa nei confronti del nostro assistito.

Richiesta convalida del trattenimento della Questura di Milano

Per l’udienza di convalida del decreto espulsione il cittadino straniero veniva difeso dagli avvocati Ismaele Brancaccio e Vincenzo Esposito dello studio legale Avvocato Penalista H24, se vuoi sapere le competenze dei nostri avvocati ti invito a leggere qui.

Verbale di audizione dell'Ufficio del giudice di pace di Milano

La richiesta formulata dal Questore al Giudice di Pace di Milano era quindi quella di convalidare il provvedimento di trattenimento del cittadino straniero presso il Centro di permanenza per i rimpatri di Milano, costringendolo pertanto ad essere detenuto presso detto centro fino all’applicazione del provvedimento di allontanamento definitivo dal territorio Italiano.

Qual è stata la strategia difensiva per ottenere la liberazione del nostro assistito?

I professionisti di Avvocato convalida decreto espulsione, una volta ricevuta la nomina difensiva da parte del cittadino straniero, si sono messi immediatamente a lavoro, andando a studiare ogni singolo dettaglio del provvedimento di trattenimento applicato dal Questore nei confronti del nostro assistito.

In effetti, il cittadino straniero era presente in maniera irregolare sul territorio Italiano, non avendo mai formulato alcuna richiesta di permesso di soggiorno o di protezione internazionale, pertanto la valutazione del Questore in merito alla volontà del cittadino straniero di soggiornare in maniera irregolare in Italia e di non allontanarsi spontaneamente dal territorio risultava essere (quantomeno formalmente) corretta.

Il fatto che il provvedimento di trattenimento non fosse stato applicato in maniera corretta ha focalizzato immediatamente l’attenzione dei professionisti del nostro studio legale sul valutare i dettagli del provvedimento al fine di riscontrare l’eventuale esistenza di vizi formali nel provvedimento emesso dal Questore, che potessero determinare la nullità dello stesso.

Quali sono stati i vizi riscontrati nel provvedimento emesso dal Questore?

La difesa del nostro avvocato esperto in convalida di decreti di espulsione, nel procedimento tenutosi innanzi al Giudice di Pace di Milano, si è concentrata sull’evidenziare la nullità del provvedimento emesso dal Questore in considerazione del fatto che al cittadino straniero era stata consegnata soltanto una copia cartacea del provvedimento di trattenimento presso il centro di permanenza, senza tuttavia procedere all’attestazione di conformità all’originale della copia cartacea da parte del Pubblico Ufficiale che aveva provveduto alla notifica.

Ai sensi dell’articolo 14 Legge 4 gennaio 1968 n. 15, infatti, per essere considerata valida la copia cartacea di un provvedimento è necessaria l’autenticazione delle copie da parte del Pubblico Ufficiale incaricato alla notifica. 

L’autenticazione, nello specifico: “consiste  nell’attestazione  di  conformità  con l’originale scritta alla fine della copia, dopo le eventuali chiamate in calce, a cura  del  pubblico  ufficiale  autorizzato,  il  quale deve altresì indicare  la  data  e  il  luogo  del rilascio,  il numero dei fogli impiegati, il proprio cognome e nome, la qualifica rivestita nonché apporre  la propria firma per esteso ed il timbro dell’ufficio. Se la copia dell’atto o documento consta di più fogli, il pubblico ufficiale appone la propria firma a margine di ciascun foglio intermedio. Il pubblico ufficiale è autorizzato ad annullare con il timbro dell’ufficio le marche da bollo apposte sulle copie rilasciate”.

Nel caso di specie, il Pubblico Ufficiale che aveva provveduto alla notifica del provvedimento di trattenimento del cittadino straniero presso il Centro di permanenza per i Rimpatri di Milano aveva del tutto omesso di indicare il proprio nome e cognome, nonché la qualifica che ricopriva, determinando pertanto la nullità dell’atto notificato al nostro assistito.

Qual è stato il provvedimento applicato dal Giudice di Pace di Milano?

Il Giudice di Pace di Milano, alla luce del vizio riscontrato da avvocato convalida decreto espulsione, non ha potuto fare altro che “non convalidare” il provvedimento di trattenimento e liberare immediatamente il cittadino straniero.

Provvedimento giudice di pace di Milano

In questo caso, la notevole attenzione prestata dagli avvocati del nostro team Avvocato Penalista H24 sui vizi del provvedimento emesso dal Questore ha fatto sì che il cittadino straniero ottenesse immediatamente la libertà e non fosse costretto a rientrare nel proprio paese di origine.

Per quanto possa sembrare strano, nel settore dell’immigrazione anche un piccolo vizio del provvedimento può determinare la nullità dello stesso e pertanto il buon esito di un procedimento in materia di immigrazione.

Clicca qui se vuoi maggiori informazioni in merito al nostro studio legale e se vuoi sapere cosa fare in caso di problemi di immigrazione in Italia.

Perché rivolgersi ad un avvocato esperto in convalida di decreto di espulsione?

Come avrai potuto comprendere, quella trattata, è una materia complessa e delicata, che richiede particolari e specifiche competenze professionali che non tutti gli avvocati posseggono.

È sempre consigliabile, dunque, affidarsi ad un Avvocato competente in convalida di decreto di espulsione, che conosca bene la materia dell’immigrazione ed il diritto internazionale di modo che, sin da subito, vi sia la massima garanzia del diritto di difesa, disponendo la strategia difensiva più opportuna al caso specifico.

Leggi altri nostri articoli su questo tema:

Mettiti subito in contatto con uno dei nostri avvocati: ti spiegherà il nostro metodo che spesso ci porta ad avere grandi risultati con analogo grado di soddisfazione dei nostri assistiti.

Perché gli assistiti del nostro studio legale sono soddisfatti? Perché molti clienti hanno tanta riconoscenza nei nostri riguardi?

Il metodo di Avvocato Immigrazione H24

La nostra priorità è porre l’assistito al centro del nostro operato, assumerci le sue preoccupazioni ed i suoi timori. Essere sottoposti ad un procedimento in materia di immigrazione è una sciagura che coinvolge tutta la famiglia.

Nel corso degli anni abbiamo ben compreso questa circostanza ed è dunque fondamentale sin da subito instaurare un rapporto di fiducia con l’assistito che si sostanzia in:    

-- informazione costante sulla nostra attività professionale svolta nel Tuo esclusivo interesse. Sarai aggiornato passo passo di cosa stiamo facendo e di cosa accadrà. Ti spiegheremo le cose in modo che tu possa capire il difficile linguaggio della legge;

-- massima disponibilità e reperibilità: il nostro studio si chiama Avvocato Immigrazione H24 perché siamo sempre operativi 7 giorni su 7 24 ore al giorno. Siamo sempre al tuo fianco e potrai sempre contare su di noi. Tutti i giorni a qualsiasi ora del giorno e della notte.

-- formulazione di un preventivo immediato senza sorprese future. Ogni scelta difensiva sarà preventivamente concordata con Te, non avrai brutte sorprese e non dovrai sostenere costi imprevisti. Sin dal principio saprai quali sono i costi che dovrai sostenere.

Il rispetto di queste semplici regole e la nostra preparazione ci ha portati nel corso degli anni a regalare tante soddisfazioni ai nostri clienti. 

Vuoi sapere nello specifico cosa dicono?

Come svolgiamo il servizio di consulenza online?

Clicca qui per saperlo. Ti descrivo in maniera dettagliata come svolgiamo il servizio di consulenza online H24.

Cosa dicono di noi i nostri assistiti?

Leggi le nostre recensioni su Google e scopri cosa dicono gli utenti del nostro studio legale e della nostra attività professionale.

Affidati ad Avvocato esperto in convalida del decreto di espulsione

Clicca qui per scoprire il Nostro Team di Avvocati internazionalisti.

Quali sono i casi trattati e risolti dal nostro studio legale?

Leggi qui i casi trattati e risolti dal Team dello Studio legale Avvocato Penalista H24.

Come potrai leggere la nostra massima dedizione, l’impegno professionale profuso porta, il più delle volte, a raggiungere il risultato sperato. 

Vuoi parlare di persona con un nostro avvocato?

Dove ha luogo l’operato di Avvocato Penalista H24? 

Il nostro operato ha luogo nelle maggiori città Italiane ove vi sono le nostre sedi legali. Garantiamo la Nostra Attività Legale in Europa ma anche nelle più grandi città del Mondo.

Abbiamo maturato contatti e sedi legali in tutto il mondo tramite il nostro team di avvocati! 

Scrivici e facci sapere da dove ci contatti, concorderemo un appuntamento alla sede più vicina.

Chatta subito con noi
WhatsApp Facebook Messenger
oppure compila il form qui di seguito:

    RICHIEDI UNA CONSULENZA

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy


    0 0 votes
    Punteggio Articolo
    guest
    0 Commenti
    Inline Feedbacks
    View all comments